Le scommesse sull’ippica

Le scommesse sull’ippica

Per molti anni l’ippica è stato l’unico sport sul quale si poteva scommettere in Italia. Le scommesse sui cavalli infatti erano ammesse sia all’interno degli ippodromi che nelle numerose agenzie ippiche presenti nel nostro paese, che permettevano agli appassionati di puntare sulle corse dei cavalli. Nel mese di giugno del 1998 le scommesse sportive sono diventate legali in Italia e da un giorno all’altro sono spuntate delle agenzie di scommesse in tutta la penisola, dove si poteva scommettere su calcio, tennis, basket e su molti altri sport.

Il numero dei giocatori che scommettono sui cavalli è cresciuto, ma non è riuscito a stare al passo degli altri sport. Avvicinarsi al mondo dell’ippica per scommettere sui cavalli non è un’operazione così semplice come può sembrare, perché devono essere tenute in considerazione moltissime variabili.

Proviamo a scoprire insieme il mondo delle scommesse sui cavalli.

 

Totalizzatore e quota fissa
cavalli al galoppoSono due le tipologie di scommesse che si possono effettuare nell’ippica: quella a  totalizzatore e quella a quota fissa.

Le scommesse a totalizzatore tengono in considerazione il volume di gioco totale delle scommesse su una singola corsa. Tutti i soldi incassati vanno a confluire nel Montepremi della corsa. La particolarità di questo tipo di scommessa è che le quote per ogni tipo di giocata sono ipotetiche e si aggiornano in tempo reale, in quanto dipendono dal numero di puntate che sono state effettuate su ognuna di esse. I reali importi di vincita vengono comunicati solo nel momento in cui vengono comunicati i risultati ufficiali della corsa.

Le scommesse a quota fissa invece funzionano come per le normali scommesse sportive. Prima della corsa infatti viene assegnata una quota per ogni tipo di giocata, quindi gli scommettitori conoscono da subito quale è l’ammontare della vincita potenziale.

 

Le giocate

scommesse live e onlineNelle scommesse ippiche le giocate ammesse dipendono dalla tipologia di scommessa. Chi sceglie di giocare al totalizzatore ha a disposizione un gran numero di opzioni, mentre per la quota fissa le scommesse ammesse sono solo quella sul cavallo vincente e quella sul cavallo piazzato. Vediamo come funzionano.

Vincente: Si deve indovinare quale sarà il cavallo che vincerà la gara.

Piazzato: Si deve indovinare il piazzamento del cavallo sul quale si effettua la puntata al termine della corsa. Il piazzamento dipende dal numero di cavalli che prendono parte alla gara: con 8 o più cavalli risultano piazzati i primi 3 che tagliano il traguardo, mentre nelle corse con un massimo di 7 cavalli ed un minimo di 4 partenti risultano piazzati solo il primo e il secondo.

Accoppiata: Si devono indovinare i 2 cavalli che al termine della corsa si piazzeranno nelle prime 2 posizioni. L’accoppiata non tiene conto dell’ordine di arrivo dei primi 2 cavalli (si dice che l’accoppiata può essere in ordine o in disordine). Per poter effettuare questa puntata al via ci devono essere un minimo di 4 cavalli.

Altre accoppiate: Ci sono poi molti altri tipi di accoppiata che si possono giocare, nei quali si può scegliere fra diverse combinazioni e nelle quali l’obiettivo è sempre il solito: indovinare i due cavalli che finiranno ai primi due posti al termine della gara.

Trio: Si devono indovinare i 3 cavalli che al termine della gara si classificheranno, rigorosamente in ordine, nelle prime 3 posizioni.

Trio a girare: Si devono indovinare i 3 cavalli che al termine della gara si classificheranno nelle prime 3 posizioni, indipendentemente dall’ordine di arrivo esatto dei cavalli.

Altre Trio: Anche per le commesse Trio ci sono molti altri tipi di giocata per le quali aumentano il numero di variabili ed opzioni di gioco.

I parametri da valutare

scommesse al betting shopScommettere sull’ippica non è affatto semplice. Una corsa di cavalli, sia al trotto che al galoppo, è influenzata da diversi elementi che devono essere tenuti in considerazione nel momento in cui si cerca di indovinare quale sarà l’esito della corsa.

Prima di scommettere bisogna innanzitutto analizzare in maniera approfondita i risultati ottenuti nelle ultime gare sia dai cavalli che dai fantini, ed ovviamente anche il tipo di corsa: trotto, galoppo e trotto montato.

Sono parametri importanti anche il meteo ed il tipo di tracciato sul quale si corre, come ad esempio se il circuito è lungo o corto, ed il tipo di terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *